ATTUALITA'

“Non condannate Asia: non ha colpe per la morte di Bourdain”

Video del giorno

di  | 
E' scritto in un comunicato che l'attrice americana Rose McGowan ha consegnato alla stampa per volontà della stessa Argento, violentemente attaccata sui social perché ritenuta responsabile indiretta della tragedia

 

A una settimana dalla tragica scomparsa di Anthony Bourdain, chef e star  televisiva dei programmi di food, che venerdì 8 giugno si è tolto la vita impiccandosi con la cintura dell’accappatoio in una stanza dell’Hotel Le Chambard di Kayserberg, cittadina dell’Alsazia francese, la sua ultima compagna Asia Argento fa sentire la sua voce. Non direttamente, perché l’attrice e regista ha preferito tacere e non reagire alla caccia alle streghe che si è sviluppata nei suoi confronti sui social. “Lo porterai per sempre sulla coscienza” è stata una delle frasi meno pesanti pubblicate da centinaia di haters sul Web.

argento-bourdain-4
La ragione di tanto odio, che per altro si era già manifestato quando Asia aveva denunciato la violenza sessuale subita da Harvey Weinstein in occasione di un Festival di Cannes, andrebbe cercata in un servizio fotografico uscito su alcuni giornali di gossip il 5 giugno, appena tre giorni prima della tragedia: gli scatti mostravano l’Argento per le vie di Roma abbracciata al giornalista francese ventottenne Hugo Clément.
Dunque, secondo chi ha pensato bene di manifestare la sua violenza verbale sui social, Bourdain si sarebbe suicidato per il dolore e la delusione che gli avevano provocato quelle immagini. A questo punto, Asia che all’indomani della morte di Anthony  aveva scritto su Instagramlui era la mia roccia, il mio amore, il mio protettore. Sono più che devastata”, ha chiesto alla sua amica Rose McGowan, attrice americana tra le fondatrici del movimento #metoo contro le violenze sessuali, di farle da portavoce.

Rose McGowan-asia-argento

Asia con Rose McGowan

E Rose ha consegnato alla stampa questo comunicato:
“Asia e Anthony avevano una relazione aperta, si amavano al di fuori dei confini delle relazioni tradizionali, lo avevano stabilito fin dall’inizio. Asia è libera come un uccello e così era anche Tony. Bourdain aveva i suoi demoni, uccidersi è stata una sua scelta personale. Aveva cercato aiuto, ma poi non aveva seguito i consigli dei medici. Asia voleva solo che questo dolore avesse fine, ma Anthony non ce l’ha fatta e ha ceduto alla sua depressione. E’ stato lui a decidere di togliersi la vita, Asia non c’entra. E Tony non avrebbe mai voluto he qualcuno la ferisse per quello che è successo”.

 

Image credits: instangram @asiaargento @rosemcgowan

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi