Vetrina

La mia specialità: porto il bello dove meno te l’aspetti

Video del giorno

di  | 
Così Gaia Marinelli, titolare di ProgettAREA, spiega la propria attività di ristrutturatrice di interni, capace di ritagliare uno spazio originale perfino dove sembra impossibile

 

Gaia Marinelli è una bella donna tarantina, decisa come la sua terra e dolce come il suo mare. Frizzante come il vento che sposta la sabbia e appassionata come solo i pugliesi sanno essere. Ha investito tutto quello che aveva per dare vita alla sua più grande passione: la progettazione e l’arredamento di interni. Con grandi sacrifici, da sola, ha realizzato la sua propria attività, creando una realtà che è diventata un punto di riferimento per tutta la regione, grazie allo stile, alla classe, all’eleganza e all’originalità delle sue proposte.

Da dove nasce la passione per il suo lavoro?
Da quando ero davvero molto piccola ed esattamente mentre guardavo Ghost. Quel film cambiò la mia vita perché rimasi colpita da un interno (che all’epoca definivo con il termine “casa”) che aveva qualcosa di incredibile, diverso da tutto quello che avevo conosciuto fino a quel momento. Un ambiente immenso, con i soffitti altissimi, il letto su un soppalco, le finestre grandi, tanta luce e dei pilastri circolari con dei capitelli. Un loft dallo stile eclettico lo definirei oggi. Da quel momento in poi, in ogni film, la mia attenzione veniva catturata dagli interni, e poi dalla luce, dalle decorazioni, dall’accostamento dei colori e dei materiali.

Progettarea

Come e perchè ha deciso di dedicarsi a questa attività?
Dopo aver conseguito il diploma ho frequentato un corso di formazione presso l’Istituto italiano di design a Perugia . Dopo tre anni nella bella cittadina umbra ho deciso di continuare il mio percorso di studi al Politecnico di Milano. Nel frattempo avevo inviato il mio curriculum vitae ad alcune aziende di Taranto, la mia città, e in poco tempo ho trovato lavoro nel settore della progettazione. Poi accadde la svolta, determinata dal bisogno di mettere in evidenza la mia creatività e di crearmi un’identità. Così, dopo 8 anni di lavoro dipendente, ho deciso di creare la attività dando vita a progettAREA, il mio studio di progettazione d’interni con show room. Da 4 anni sono diventata imprenditrice e grazie a questa scelta posso esprimere la mia creatività al meglio.

Cosa le dà più soddisfazione nel suo lavoro? 
I clienti, che con la loro soddisfazione dimostrano di apprezzare il mio lavoro e che con il passaparola hanno aumentato il mio giro di clientela.

Quanto la impegna la sua attività?
Dedico al lavoro la maggior parte del mio tempo. Ci sono progetti che nascono sulla carta, ma la maggior parte di essi però, nasce nella testa, così mi ritrovo a progettare in qualsiasi luogo, senza dover per forza essere seduta a una scrivania. Posso pensare a come gestire certi spazi mentre sto guidando, oppure posso trarre spunto o ispirazione mentre osservo il cielo o ascolto la musica . Anche se la progettazione è la parte che preferisco del mio lavoro, ci sono tante altre mansioni da espletare: dai sopralluoghi, alla scelta dei materiali con i clienti, al rapporto con i fornitori, alle visite nei cantieri e molto altro, e questo fa sì che il mio lavoro assorba tutte le mie energie e la maggior parte del mio tempo.

Progettarea aA che tipo di clientela si rivolge?
La tipologia dei miei clienti è vasta: c’è chi vuole ristrutturare un appartamento o chi ha acquistato una nuova casa e ha la necessità del mio intervento per arredarla. In ogni caso cerco sempre di offrire un servizio di progettazione completo e originale a prezzi contenuti, soddisfando le esigenze dei clienti e rivolgendomi a un bacino d’utenza piuttosto vasto. Ci sono poi le commesse “importanti “ che comportano oltre al progetto, la parte esecutiva e quella della cantieristica, e in questo caso il servizio rivolto ad un bacino d’utenza selezionato.

Cosa ama di più del suo lavoro?
Mi piace creare del bello là dove non c’è. Escogitare delle soluzioni per ritagliare uno spazio dove sembrava impossibile. Lavorare con i materiali, conoscerne di nuovi, abbinare i colori e i tessuti. E poi mi piace parlare con i clienti cercando di interpretare i loro desideri. Adoro la polvere dei cantieri , ascoltare e imparare dalla maestranze. Ovviamente ci sono anche delle situazioni di sconforto, viviamo in un momento molto particolare e difficile ma, il mio lavoro lo paragono ad una bella storia d’amore: ogni tanto mi fa soffrire ma non mi delude mai!

 

Info e contatti: http://www.progettarea.it/
https://www.facebook.com/progettAREA/?pnref=lhc

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito, scrollando questa pagina, cliccando su "Accetta" o navigando nel sito, senza modificare le impostazioni dei cookie ne permetti il loro utilizzo.

Chiudi