RIFLESSI DI CINEMA

Questa “Lady bird” è solamente una donna che sogna di volare

di  | 
L'adolescente Christine, protagonista del film della promettente regista Greta Gerwig, vuole caparbiamente soddisfare le sue ambizioni rifiutando il poco che le offre la vita della provincia dove è cresciuta. Ma, come tanti giovani, inseguendo i propri sogni rischia di inciampare

 

_____________________________________________________________

lady-birdLADY BIRD

 

 

Scritto e diretto da Greta Gerwig
con Saoirse Ronan, Laurie Metcalf, Tracy Letts, Lucas Hedges, Timothée Chalamet.

_____________________________________________________________

“La forza che attraverso il verde calamo sospinge il fiore/sospinge anche la mia verde età./ Quella che spacca le radici degli alberi/ è la mia distruttrice” / e io non ho parole per dire alla rosa incurvata/ che la mia giovinezza è piegata da identica febbre invernale”
Ho pensato spesso a questa meravigliosa poesia di Dylan Thomas mentre guardavo il film di Greta Gerwig, perché mette in scena proprio la forza tenera e autodistruttiva dell’adolescenza, che è poi l’essenza più pura dell’energia vitale.

ladybird
Pervaso di memorie autobiografiche sempre messe al servizio della storia e mai ripiegate su se stesse, Lady Bird è romanzo di formazione e grido d’aiuto, storia privata che diventa universale, toccando, scevro da ideologie, risvolti sociali contemporanei, primo fra tutti un mondo del lavoro devastato e una crisi economica che si insinua sottopelle e guasta anche i sogni dei più giovani, quelli che si meriterebbero un mondo diverso, quelli che avrebbero tutto il diritto di inseguire i loro sogni, senza essere fermati. E invece non fanno altro che inciampare.

ladybird2
Non c’è niente di artificioso nella vita di Christine, adolescente di Sacramento, il Midwest della California, viene detto nel film, che aspira a una vita diversa, sicura che in un’università dell’East Coast la salverebbe dalla cappa di una provincia dove non succede mai niente. Del suo piccolo mondo rifiuta tutto, a cominciare dal nome e si autobattezza Lady Bird.

LADYBIRD1-
Insegue caparbiamente le sue ambizioni, in guerra contro una madre anaffettiva, incapace di comunicare con lei, e sostenuta da un padre debole, depresso, ma affettuoso. Gli slalom fra amiche e primi filarini sono deludenti, nessuno diventa l’eroe di cui avrebbe bisogno. Ma la perfezione già non esiste nel mondo, figuriamoci se può trovare cittadinanza in un’adolescenza inquieta.

lady-bird
Eppure le radici restano, perché senza radici, anche l’albero più forte, anche l’adolescente più geniale, morirebbero. Ecco che Lady Bird diventa anche un faticoso percorso di riconciliazione e rivalutazione delle proprie radici, in una ricerca fra il passato vissuto e un futuro sognato che non hanno mai fine e che sono il senso della vita.

lady-bird-
Intessuto di spirito indi, un film da Sundance, mai convenzionale, con una pulizia di riprese che ricorda la mano di Wes Anderson e Todd Solondz, è un esordio di tutto rispetto che fa pensare tutto il bene possibile sul futuro della giovane regista (e sceneggiatrice) Greta Gerwig. Quanto agli interpreti, siamo di fronte a un pugno di giovani attori che ritroveremo in platea alla serata degli Oscar (i due ragazzi sono rispettivamente anche in altri due film carichi di nomination, Tre manifesti a Ebbing, Missouri e Chiamami col tuo nome).

Video del giorno

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi