ATTUALITA'

Mentre battezzavano Louis gli occhi di tutti erano su Kate

di  | 
Anche se era la festa del Royal baby, al centro dell'attenzione c'era sua mamma, ammirata come sempre per il look scelto e per il sorriso radioso. A sorpresa i padrini del bambino sono stati sei amici di mamma e papà

 

Embed from Getty Images

Non c’erano Elisabetta II e suo marito, il duca di Edimburgo, che proprio oggi festeggiavano il 71° anniversario del loro fidanzamento (e pare che la data del 9 luglio sia stata scelta proprio per celebrare la ricorrenza), ma la Regina era impegnata in una cerimonia nel tragitto tra Sandrigham, nel Norfolk, dove ama ritirarsi nei fine settimana, e Londra. Presenti, invece, in prima linea, Harry e Meghan. Così, molto coccolato proprio dai due giovani zii, che sperano di donare presto a lui e ai suoi due fratelli un cuginetto e che gli hanno regalato per il battesimo una prima copia di Winnie the Pooh stampata nel 1926 e del valore di 8.000 sterline, Louis Arthur Charles Mountbatten-Windsor, terzogenito di William e Kate e quinto in linea di successione al trono del Regno Unito, ha fatto il suo debutto in società, in occasione del suo battesimo.

kate battesimo figli
La cerimonia religiosa si è svolta nella Cappella Reale del St. James’s Palace di Londra, lo stessa dove è stata battezzata Meghan Markle prima delle nozze con Harry. I genitori del terzo Royal baby hanno scelto i tre padrini e le tre madrine tra i loro amici più cari, ovvero: Nicholas van CutsemGuy PellyHarry Aubrey-FletcherLaura MeadeRobert CarterLucy Middleton. Per baby George furono scelti sette padrini, mentre per la sorella Charlotte cinque.
A officiare il rito è stato l’arcivescovo di Canterbury, il reverendo Justin Welby, lo stesso che il 19 maggio ha unito in matrimonio Harry e Meghan, e che celebra tutte le cerimonie religiose della Royal family.
Il fratello maggiore di Louis, il principe George, era stato battezzato nella stessa chiesa, mentre per la principessa Charlotte, secondogenita di William e Kate, era stata preferita la chiesa di Santa Maria Maddalena a Norfolk, la stessa in cui fu officiato il battesimo della sua defunta nonna, la principessa Diana.

Embed from Getty Images

Per la cerimonia, Louis ha indossato la veste battesimale tradizionale della famiglia reale, o meglio una replica, cucita nel 2004, dell’abito risalente al 1841 che è stata usata per il battesimo di 62 membri della famiglia reale, fino a quello di  Lady Louise Windsor, figlia primogenita del principe Edoardo.
Da allora la copia era stata utilizzata, prima di oggi, per cinque, indossata da James, secondo figlio di Edoardo, da Savannah e Isla, figlie di Peter Philips, figlio della principessa Anna e di Mark Philip, e dai fratelli di Louis, George e Charlotte.

Embed from Getty Images

La veste originale era stata commissionata nel 1841 dalla regina Vittoria per la primogenita, la principessa Vittoria, nello stesso stile dell’abito da sposa della sovrana. “Una veste di pizzo e un mantello di pizzo bianco Honiton sopra un raso bianco”, scrisse la regina nel suo diario. E la veste fu utilizzata poi negli anni successivi per la regina Elisabetta, il principe Carlo, il principe William e molti altri Royal babies. 

Embed from Getty Images

Ma se l’abito del piccolo protagonista era scontato, l’attenzione di tutti era rivolta verso il look di mamma Kate e di zia Meghan: la duchessa di Cambridge, sorridente e radiosa col suo bimbo tra le braccia, era in bianco come ai battesimi dei primi due figli, mentre quella del Sussex era in verde militare con cintura. Per quanto riguarda gli altri invitati, tra le più ammirate Pippa Middleton, altra zia di Louis, con tanto di pancione in bella vista era in celeste pastello. Alla cerimonia erano presenti tutti i Middleton, con la nonna Carole e lo zio James in testa, e, ovviamente, i nonni paterni Carlo e Camilla, apparsi molto orgogliosi di questo terzo nipotino. A quando il quarto?

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.