Belli capelli

Cerchi lo shampoo ideale per te? Deve possedere 5 caratteristiche

di  | 
Un prodotto sbagliato può rendere i capelli sciupati e irritare il cuoio capelluto. Quindi non affidiamoci solo alle promesse della pubblicità, alle suggestioni del packaging e ai consigli dei parrucchieri (che talvolta spingono alcuni marchi), ma cerchiamo alcune specifiche qualità

 

Scegliere lo shampoo adatto ai propri capelli sembra semplice, ma non lo è! Un prodotto sbagliato può rendere i capelli sciupati e irritare il cuoio capelluto; ci affidiamo alle promesse della pubblicità, alle suggestioni del packaging, ai consigli dei parrucchieri (che talvolta cercano di spingere alcuni marchi…) e dei blogger (idem), ma sappiamo davvero che cosa stiamo cercando?

shampo-capelli-danneggiati

Le 5 caratteristiche dello shampoo ideale

  1. Non fa troppa schiuma
  2. Non secca la cute
  3. Non lascia residui al risciacquo
  4. Non richiede per forza l’uso del balsamo
  5. Non costa una fortuna

1) Diffidate delle bolle di sapone

Scegliete uno shampoo che non contenga agenti altamente schiumogeni come gli SLES. La schiuma è comoda perché assicura un lavaggio pratico e veloce, ma è molto irritante. Meglio dedicarsi una mano di shampoo in più con un prodotto delicato, piuttosto che una frizionata approssimativa e  aggressiva.

shampoo-capelli-schiuma

In commercio ci sono molti prodotti formulati con ingredienti poco schiumogeni, basta controllare bene l’etichetta.

2) Attenzione alla cute: mai sgrassarla troppo

Anche in caso di capelli grassi, non bisogna mai utilizzare prodotti che secchino troppo il cuoio capelluto. Esattamente come accade per la pelle, con un prodotto molto sgrassante otterremmo un effetto boomerang e la cute tenderà a produrre nuovo sebo più velocemente.

shampoo-cute

Evitiamo quindi gli shampoo che contengono acido salicilico, sostanza irritante e depauperante del film idrolipidico presente sui capelli e sul cuoio capelluto.

3) I capelli devono risultare puliti al tatto

Da qualche tempo vanno di moda i low shampoo (basi lavanti in crema oppure olio), i cowash (detergenti a base di sostanze zuccherine) e i gelwash (prodotti in cui l’agente principale è il gel d’aloe). Possono essere valide alternative  allo shampoo, ma spesso lasciano una sgradevole sensazione di unto e pesantezza.

capelli-shampoo-tatto

Questo perché non sono facili da sciacquare e non sono l’ideale per chi ha chiome folte e spesse. I residui di prodotto che resistono al risciacquo, possono infatti soffocare i capelli e la cute, rendendoli spenti.

4) Balsamo sì e no

Se adoperiamo uno shampoo adatto, ci stupiremo di quanto il balsamo finisca per risultare sempre meno indispensabile. La crema condizionante infatti dovrebbe essere utilizzata non a ogni lavaggio ma solo di tanto in tanto, come la maschera per il viso. Uno shampoo valido infatti lascerà i nostri capelli lucidi e brillanti senza bisogno di altro.

shampoo-balsamo

Per il nutrimento di routine delle nostre chiome, possiamo optare per un olio secco da applicare soltanto sulle punte o dei cristalli liquidi di semi lino.

5) Non lasciamoci abbagliare

Uno shampoo molto caro non trova giustificazione. Si tratta pur sempre di un detergente, è facile capire che qualunque ingrediente d’alta performance cosmetica sia sprecato dentro un prodotto a risciacquo. Quindi non facciamoci ingannare da promesse miracolose.

shamppo-capelli-lunghi

Lo shampoo deve lavare bene i nostri capelli, non servirà a farli crescere più velocemente o a cambiare la loro natura. In caso di problemi dermatologici e tricologici esistono invece prodotti specifici che possono essere consigliati soltanto dal medico o dal farmacista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.