RIFLESSI DI CINEMA

Elegante e garbato, ecco perchè “Il ladro di cardellini” è un film da non perdere

di  | 
Un piccolo grande film che si rifà alle commedie degli anni 60. Scoprite perchè è assolutamente da vedere.

IL LADRO DI CARDELLINI

ladro di cardellini locandina

regia di Carlo Luglio
con: Nando Paone, Ernesto Mahieux, Pino Mauro, Gigi De Luca, Viviana Cangiano, Lino Musella, Gigi De Luca, Viviana Cangiano, Canio Loguercio, Giovanni Ludeno.

 

 _____________________________________________________________

Che piacere scoprire una commedia che non fa rimpiangere “L’audace colpo dei soliti ignoti” e neppure le commedie all’italiana degli anni Sessanta, quando gli autori volevano un gran bene ai loro personaggi, anche quando erano dei pasticcioni o dei farabutti. Perché alla fin fine la maggior parte di loro agiva in buona fede e comunque per necessità.

ladro di cardellini 2

Il ladro di cardellini è un uomo dabbene, anche se non gli mancano i difetti. Maresciallo della guardia forestale, alle soglie della pensione, vedovo inconsolabile da dieci anni (parla con la moglie morta, seduto su un seggiolino di fianco alla sua tomba), viene licenziato perché rivende gli animali sequestrati, per ripagarsi dei vizi, il videopoker e l’alcol. La figlia, una cantante sovrappeso che vive con lui e che gli impone pure il fidanzato, gli tiene il fiato sul collo perché conta sulla sua liquidazione per pagarsi un intervento estetico risolutivo. Rimasto senza lavoro, accetta di prendere parte a un colpaccio, un bidone con al centro cardellini veri e pittati, che dovrebbe sistemare lui e i suoi amici, in mezzo ai quali è un giovanotto.

ladro di cardellini 2

Trama piccolina, contorno sontuoso. Prima di tutto gli attori, alcuni dei più raffinati protagonisti della scena napoletana già visti nei film di Martone, Garrone,  Salemme e star della sceneggiata, bravissimi, caratteristi come non se ne vedono più. I dialoghi in punta di penna (di cardellino ovviamente) e animati da un’ironia sottile, strappano continui sorrisi. Il paesino dell’entroterra campano dove si svolge la vicenda regala alla storia un’atmosfera senza tempo realista e magica al tempo stesso. Le inquadrature sono eleganti e rispettano ogni personaggio dando a tutti la  bellezza della verità.

cardellini 4

Nessun cinismo, nessuna volgarità in un film che è una scoperta, garbato, elegante, girato con picchi di gusto e recitato in stato di grazia. Da non perdere.
Per i milanesi, lunedì 7 settembre, alle ore 21.30, presenterò il film al cinema Anteo di City Life insieme al regista Carlo Luglio. Vi aspettiamo!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.