Vetrina

Questo atelier orafo realizza per te i gioielli come te li immagini

Video del giorno

di  | 
Tra le tante caratteristiche di UroBuro, bottega artigianale di Milano, anche quella di creare monili su disegno o idea dei clienti. Ma a chi non ha sufficiente fantasia offre una gamma di anelli, orecchini e collane di design esclusivo. Anche a fin di bene, come racconta il suo fondatore

 

uroburo vetrina1
Amate i gioielli artigianali e siete sensibili non solo al fascino della bellezza di un monile, ma anche a ciò che quello stesso monile racconta? A Milano, nel quartiere Isola, diventato ormai da qualche anno un punto di riferimento per la creatività e l’artigianato di qualità, esiste UrOburo,un bellissimo atelier orafo, creato e gestito da una Cooperativa sociale Onlus che porta lo stesso nome, composta da 11 soci di cui 6 che lavorano in questo atelier, dove si crea, si vende e si apprende attraverso i corsi di formazione.

anelli 1 uroburo
Ma UrOburo è anche uno spazio espositivo e soprattutto è un cantiere sociale, dove ha preso vita un laboratorio formativo rivolto ai sofferenti psichici che grazie a questa iniziativa lavorano a pieno ritmo all’interno di questa bellissima realtà.
Un atelier orafo unico nel suo genere, che non a caso definisce le sue creazioni Pensieri da indossare. E nessun altra definizione potrebbe essere più appropriata, perché questo splendido atelier cela dietro di sé pensieri importanti.
Ce li racconta il suo fondatore, Pier Vito Antoniazzi, personaggio eclettico e figura importante del quartiere a cui dedica tempo ed energie da molti anni e che insieme alla moglie Fiorenza, purtroppo recentemente e prematuramente scomparsa, ha dato vita a questa meravigliosa realtà.

uroburo expo
“L’atelier nasce nel 2002 intorno alla figura di Davide De Paoli, artista orafo a cui abbiamo proposto di insegnare la sua arte a soggetti in difficoltà, tramite la nostra Cooperativa sociale che ha come scopo quello di inserire nel mondo del lavoro soggetti svantaggiati. Nel nostro caso ci siamo rivolti prevalentemente a persone con svantaggio psichico e, affidandoci al luogo comune che dice che gli artisti sono tutti un po’ matti, ci siamo detti: proviamo a rovesciare il concetto e a vedere se tra i matti ci sono degli artisti. In realtà la scommessa era quella di inserire queste persone nel mondo del lavoro e di permettere loro di esprimere il loro talento e la loro creatività.
UrOburo è stato strutturato seguendo le impostazioni della classica bottega medioevale dove c’è un maestro che insegna e permette d’imparare, dove si produce e dove si vende, esattamente come accadeva all’epoca, e dove si unisce l’aspetto di formazione a quello di creazione, fino a quello commerciale”.

uroburo negozio
Anche dietro la scelta del nome dell’atelier c’ è un pensiero, che ci racconta Sara Pogressi, una delle artiste e socie della Cooperativa: ” UrOburo è un serpente mitologico che mordendosi la coda si autogenera, diventando così il simbolo perfetto di ciclicità vitale, per cui a ogni fine corrisponde un nuovo inizio. Questo per noi significa mettere in circolo le forze creative delle persone attraverso il perfezionamento delle loro capacità, in un percorso di rinascita a nuova vita”.

braccaili anelli uroburo
“Partendo dal concetto di divulgazione del gioiello artigianale d’arte e dall’amore per i colori del metallo, per le ossidazioni e per il carattere del materiale”, continua Sara, “sono nate le collezioni di UrOburo che hanno come soggetto il serpente mitologico e tante altre forme che esprimono la creatività di ogni artista e i loro differenti stili. Figure astratte, che hanno una storia che nasce dall’ispirazione dell’artista che crea il gioiello”.

bracciale orecchini blu uroburo
Il laboratorio orafo è in vetrina, visibile quindi a tutti e solo una porta lo separa dal punto vendita, dove i gioielli esposti sono una meraviglia. Monili di design, assolutamente unici e originali, creati dagli artisti orafi della Cooperativa sociale che ha come presidente Efrem Antoniazzi, che ci racconta di aver sposato ” la filosofia del mercato etico che nobilizza i metalli poveri attraverso il lavoro sociale e che si rivolge a un tipo di consumatore più attento, in grado di comprendere il valore artigianale di un gioiello realizzato anche con metalli poveri”.

uroburo laboratorio
“Quando poi è stata fatta la scelta di utilizzare anche i metalli preziosi“, continua Efrem, ” la decisione è inevitabilmente caduta sull’oro etico, che costa quasi il doppio di quello tradizionale ma che assicura una provenienza nel totale rispetto e sostenibilità dei metodi di estrazione”.

Ma la creatività degli artisti di UrOburo è davvero senza limiti: potete infatti presentarvi in atelier con un’idea di un gioiello o un disegno che lo rappresenti e gli artisti orafi lo realizzeranno esattamente come lo avete immaginato, impreziosendone la creazione con i loro suggerimenti e consigli. E se le possibilità economiche scarseggiano, niente paura, a UrOburo hanno trovato anche il modo per farvi risparmiare. Si tratta dell’iniziativa L’oro dei nonni, in cui ognuno di noi può portare i propri vecchi gioielli e da quelli crearne di nuovi insieme agli artisti dell’atelier.

orecchini uroburo
Se invece avete deciso di convolare a nozze, UrOburo propone agli sposi un’originale collezione di fedi nuziali, con oltre 15 modelli tutti personalizzabili e volendo anch’essi realizzabili con L’oro dei nonni.
In alternativa, un’altra interessante proposta è quella rappresentata dal progetto Fa’ la tua fede, che permette ai promessi sposi di diventare orafi per un giorno e di realizzare le proprie fedi affiancati dagli artisti orafi dell’atelier che forniranno tutta la loro maestria e assistenza tecnica per poter realizzare insieme agli sposi l’anello più impostante della vita.

fedi 2 uroburo

Alcuni modelli di Fedi nuziali dell’Atelier UrOburo

fedi 1 uroburo
Tutto questo ha permesso a UrOburo di creare un rapporto molto personale con la propria clientela, nel totale rispetto della tradizione orafa italiana in cui il cliente collabora con l’artigiano e insieme danno vita a creazioni uniche, personali e originali assolutamente realizzabili anche attraverso il contatto on line sul sito dell’atelier.
Se poi invece avete il desiderio di cimentarvi nell’arte orafa, potete partecipare ai periodici workshop della Scuola di nuova oreficeria dell’atelier, tenuti da Margareta Niel, eccellente artista nell’ambito del gioiello contemporaneo, allieva del De Paoli e ospite fissa della bottega. Alcuni pezzi delle sue collezioni sono in vendita da UrOburo e sono davvero una bellezza.

Nell’ambito degli eventi del Fuorisalone in occasione del Salone Del Mobile di Milano, dal 17 al 22 aprile, non perdetevi una visita all’atelier che situato in uno degli edifici della bellissima Fonderia Napoeleonica, vi accoglierà con eventi e sorprese straordinarie.

uroburo anello ciondolo

UrOburo
Cooperativa Sociale Onlus
Via Thaon di Revel 19 – Milano
tel. 02/66823658
Sito: https://www.uroburo.it/
Facebook: https://www.facebook.com/Atelier-Uroburo-231575536904891/

2 Comments

  1. Miranda

    16 aprile 2018 at 9:46 pm

    Bell’articolo, conosco Uroburo da quando è nato. Peccato solo che citi Sara (che non lavora più nel laboratorio di Uroburo), e non nomini gli artisti dell’atelier che son lì dall’inizio e a cui l’atelier deve in parte la sua fortuna.intendo Emi kato,Irene Marasco Naoko Iyoda e Mor Gueye. Una lacuna un po’ imperdonabile.peccato

    • Staff

      16 aprile 2018 at 11:52 pm

      Li avremmo citati se durante l’intervista ce li avessero almeno menzionati. Grazie per averlo fatto tu. Sara è citata perchè, come è specificato nell’articolo, è stata uno dei soci di UrOburo intervistati.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *