RIFLESSI DI CINEMA

Se sei una fan del Boss, questo docu-film ti farà impazzire

di  | 
"Asbury Park": Lotta, redenzione, rock and roll racconta la storia del quartiere che negli Anni 70 si è trasformato in una fucina di talenti per il rock e il soul. A cominciare da Bruce Springstee

 

ASBURY PARK: Lotta, redenzione, rock and roll

AsburyPark_POSTER_press 2

Regia di Tom Jones
con Bruce Springsteen, Steve Van Zandt, Johnny Lyon, David Sancious, Vini Lopez

NEI CINEMA solo il 22, 23 e 24 maggio

______________________________________________________________

New Jersey, Asbury Park: affacciato sull’oceano a sud di New York, il quartiere ha una storia molto speciale. Negli Anni 70, per una serie di coincidenze cercate e anche fortuite, si è trasformato in una fucina di talenti per il rock e il soul, in un ambiente dove a contare era solo la passione per la musica, senza barriere di età, etnia, nazionalità. Sui palchi dei locali di Asbury e in particolare nel leggendario Upstage, inventato da una coppia di parrucchieri con la passione della musica, si sono avvicendati tutti. Dai nomi diventati poi famosissimi (in testa Bruce Springsteen) a tanti altri che semplicemente amavano la musica.

asbury-park-film-

A raccontare la magia che faceva cadere ogni barriera e scatenava la creatività in jam session indimenticabili in questo appassionato docu-film vediamo e ascoltiamo prima di tutto il Boss. Meraviglioso, generoso, il viso solcato dalle rughe, con gli immancabili jeans, camicia e t-shirt. E’ lui a ripercorrere gli anni del mito e a spiegare come lì, a Asbury, tutto fosse possibile.

asbury_2

Simpatico, divertente, non si risparmia in aneddoti, inframmezzati da spezzoni d’epoca e che invidia per chi ha vissuto quel periodo. La musica allora davvero (ma forse sempre) poteva unire tutti, superando ogni differenza.
Poi, poi accade qualcosa di imprevisto e al tempo stesso prevedibile: nell’estate del 1970 un’immensa rivolta mise a ferro e fuoco tutta Asbury, incendiando decine di edifici e distruggendo per i successivi 45 anni tutta la zona, abbandonandola al degrado. Ma ora, lentamente qualcosa sta succedendo.

asbury-park-lotta-redenzione-rock-and-roll_1
Il docu-film è emozionante, molto coinvolgente. E mentre si ascoltano brani indimenticabili e ci si identifica con la passione dei protagonisti, si resta attoniti di fronte al disastro. Alla rivolta sociale, al grido di ribellione di tanti giovani afroamericani senza lavoro che nei giorni della rivolta uccisero un sogno, per portarne avanti un altro.
Oggi, grazie all’impegno di quelli che un tempo c’erano (sempre Springsteen in prima fila) Asbury Park vive la sua attesa rinascita ed è ancora una volta la musica ad averla strappata a quello che sembrava un inarrestabile declino.

asbury park ok
Il docu-film dura due ore ed è impossibile raccontare tutto quello che contiene. Vale però la pena citare almeno il concerto al Paramount Theatre dove Bruce Springsteen, Little Steven, Southside Johnny e le Upstage All-Stars si sfidano a riff di chitarra con “il futuro della musica di Asbury”. Un gruppo di rocker di 11 anni che sono la prova vivente che la grandezza di quel quartiere non è solo un ricordo.

GUARDA IL TRAILER

In occasione dell’uscita del film, vari appuntamenti. A Milano, al cinema Anteo previste proiezioni con cena abbinata, ovviamente menu made in Usa. Poi gran finale il 24 maggio alle 21.30, davanti a Eataly di piazza XXV aprile, con il concerto gratuito dei Miami & The Groovers. Da segnare in agenda anche Max Weinberg , il 19 luglio al Castello Sforzesco di Milano, poi il 20 luglio al Fatti di Musica Festival di Reggio Calabria e il 23 luglio alla Casa del Jazz di Roma. Mentre Jake Clemons sarà in Italia a giugno. Info e aggiornamenti li trovate  qui.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.