CURIOSITA' DAL MONDO

A Copenaghen c’è una donna Imam che lotta da femminista

di  | 
Si chiama Sherin Khankan ed è la prima figura femminile di questo tipo nel Nord Europa. Tra i suoi obiettivi quello di permettere alle musulmane di sposare uomini cristiani. Perché, sostiene lei, neanche il Corano lo vieta

 

Capelli biondi e occhi azzurri, si chiama Sherin Khankan ed è la prima donna Imam del Nord Europa. Di madre finlandese e padre siriano, ha inaugurato un anno fa una moschea rosa a Copenhagen, la Maryam Mosque. La Khankan, insieme ad altre cinque Imam donne, guida la preghiera del venerdì, celebra nozze interreligiose e insegna ai giovani musulmani la parola di Maometto.
Laureata in sociologia delle religioni all’università di Damasco, è però cresciuta a Copenhagen, e rappresenta l’anello di congiunzione per antonomasia tra due culture apparentemente molto diverse. Un esempio? É femminista, ma per sostenere le sue tesi si avvalla di citazioni che vengono da Est: «Secondo il poeta sufi Ibn Arabi, il più perfetto essere umano è la donna. D’altro canto, Aisha, l’ultima moglie di Maometto, era una Imam come me, solita guidare la preghiera dei fedeli».


Una figura importante quella della Imam in occidente, dato che le esigenze di una musulmana qui sono ben diverse da quelle di chi vive in Medio Oriente. Alcune donne lottano per poter guidare l’auto, o divorziare. Altre lottano per il diritto all’istruzione. In Europa ci sono altre esigenze. Un tema scottante è, per esempio. quello di poter sposare un uomo di un’altra fede religiosa, pur continuando a essere musulmana a tutti gli effetti. L’interpretazione più diffusa della Shar’ia permette a un uomo musulmano di sposare qualsiasi donna che abbia una fede monoteista, mentre ciò non è concesso alla donna, il cui marito può solo appartenere alla stessa religione. Ma per un donna che cresce, studia e lavora in Europa, le possibilità di innamorarsi di un cristiano sono elevate. Nella moschea nel centro di Copenaghen è invece possibile celebrare le nozze tra musulmane e uomini di altre fedi religiose, basandosi sul fatto che nel Corano non vi è esplicito divieto di matrimoni interreligiosi per le donne. Esattamente come non vi è scritto che una donna non possa essere Imam: fu infatti il Califfo Umar nel VII sec. a proibire che le donne fossero alla guida della comunità, un po’ come accadde al Cristianesimo a suo tempo, con la questione della donna-prete: questione più che attuale, visto che perfino papa Francesco si è espresso recentemente in merito. Negativamente.

Salva

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.