CULTURA

Il nostro (e vostro) sito spiegato in rima

di  | 
Ricordate l’ultranovantenne creatore del gruppo di book crossing “Abbandoniamo un libro con nonno Vezio”? Tra le sue attività preferite c’è anche quella di comporre poesie scanzonate. Come questa, che ha voluto dedicare proprio a voi signore

 

Signore si diventa è nato anche per celebrare le donne che, arrivate alla soglia dei cinquant’anni, hanno deciso di “svoltare”, ovvero di reinventarsi una vita, specialmente nel campo professionale o artistico. Abbiamo pubblicato in queste prime settimane vari post che documentavano queste nuove attività, che si trattasse di creare bijoux, abiti firmati o torte d’alta pasticceria. Ma un cambiamento si può operare in qualsiasi stagione della vita, e non è una prerogativa esclusivamente femminile. Lo ha dimostrato l’iniziativa, anch’essa documentata da un nostro articolo (che tra l’altro ha ottenuto grande successo), di un arzillo ultranovantenne che, assieme a un manipolo di giovani signore, ha dato vita al gruppo di book crossing “Abbandoniamo un libro con nonno Vezio”. Il nonno in questione, prima di dedicarsi a questa attività e dopo una vita da dirigente aziendale, si era scoperto prima romanziere, pubblicando dal 2005 al 2015 ben otto libri, e poi, dal 2016, poeta di liriche che rivisitano in maniera ora scanzonata ora appassionata i piccoli gesti, ma anche le grandi questioni della nostra quotidianità. In questa veste ha deciso di dedicare un breve componimento anche al nostro sito. E noi ve lo proponiamo, così come ce l’ha inviato il suo autore.

A SIGNORE SI DIVENTA

Mi ha incuriosito il titolo da prima,
di questo sito alle donne destinato,
tanto da dedicarci qualche rima,
simile a un madrigale un po’ stonato.

“Signore si diventa” chiesto m’ero,
cosa volesse al volgo dimostrare,
parendomi emblematico davvero
il senso suo riuscire ad afferrare.

Poi mi soccorse il primo editoriale,
del direttore che fu molto esauriente,
cosa che appare del tutto naturale,
se vero è che buon sangue mai non mente.

E avendo risolto quest’enigma arcano,
del giornale sul web l’idea ho apprezzata,
che notizie possa dar di prima mano,
ad ogni donna, nubile o ammogliata.

Il palinsesto è molto variegato,
e per ogni donna molto adatto,
e viene egualmente consultato,
sia da signore “in fieri” che… di fatto”.

Moda, bellezza, viaggi, casa, animali,
la messe di servizi invero è tanta,
da superar cartacei bei giornali,
e soddisfar le giovanissime e le  “anta”.

E se tra i lettor c’è qualche maschietto ,
non è cosa che ci può stupire,
che il  giornal dalle donne  prediletto,
uni-sex si potrebbe definire.

Tanto più che “Signore” è bivalente,
se usato al plurale o al singolare,
e ciò richiama alla nostra mente
“Così è… (Pirandello) se vi pare”.

 

1 Commento

  1. Fabio Giulio Pirrotta

    13 Aprile 2017 at 12:05 am

    Graziadio v’è nonno Vezio!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.