RIFLESSI DI CINEMA

Se credi che l’amore non muoia vai a vedere “La casa sul mare”

Video del giorno

di  | 
Un film pieno di dolcezza e incanto attorno una famiglia che si ricongiunge al capezzale di un padre morente. Piacerà a chi crede che gli uomini possano essere migliori. Concesso avere gli occhi umidi sui titoli di coda...

 

LA CASA SUL MARE

la-casa-sul-mare-poster-ita

 

 

di Robert Guédiguian
con Ariane Ascaride, Jean-Pierre Darroussin, Gérard Meylan, Anais Demoustier, Robinson Srévenin.

_____________________________________________________________

La calanque di Mejean, affacciata sul golfo di Marsiglia è un luogo magico, non toccato dal tempo e Guédiguian la usa come quinta teatrale in cui far muovere i suoi protagonisti, quelli di sempre, per il suo cinema politico sentimentale attraverso il quale, come scrivendo un diario in pubblico, ha raccontato lo scorrere del tempo, più o meno da quarant’anni a questa parte.

casaulmare
Avete presente come Truffaut si è identificato in Jean Pierre Léaud facendogli interpretare, liquido alter ego, tutte le tappe della vita come in uno specchio? Be’, il regista marsigliese di origine armena, ha fatto più o meno lo stesso, non con un attore ma con un gruppo di interpreti, il suo clan, i suoi amici (Ariane, per inciso, è anche sua moglie), film dopo film dipanando le conquiste, i dubbi e lo sgomento di un uomo di sinistra alle prese con un mondo che cambia. Un uomo che del suo credo ideologico ha imbevuto anche i rapporti sociale e che non ha mai mistificato nulla, assistendo impotente al crollo delle ideologie, alla fine della classe operaia, al tramonto della solidarietà proletaria. Senza mai arrendersi e cercando ogni volta un varco per capire la realtà.

house-by-the-sea
In quest’ultimo film, l’aspetto politico resta in disparte, almeno fino a metà storia, per poi prendere in modo prepotente il sopravvento nella parte finale. Ma quello che più emoziona è assistere alla ricongiunzione di una famiglia, tre fratelli, due uomini e una donna, che si ritrovano al capezzale del padre morente. Uno solo è rimasto nel Paese d’origine, continuando a gestire il ristorantino di famiglia, l’altro è un intellettuale impegnato che torna nei luoghi dell’infanzia con la giovanissima compagna, la sorella infine, attrice di teatro, è quella con la scorza più dura per via di vecchie ferite che non si rimarginano, incapace di metabolizzare un crudele lutto.

La-villa-2017

Il film segue le loro esitazioni, i loro contrasti, i timidi avvicinamenti, le rese dei conti, tenendo l’obiettivo sugli oltraggi del tempo che un po’ cambiano, un po’ po’ peggiorano ma molto migliorano, regalando a chi invecchia uno sguardo d’insieme su quello che è stato, dove indulgenza, rimpianti e sensi di colpa combattono per avere la meglio, cercando di trovare il senso dell’esistenza.

La-casa-sul-mare-1
Dolcezza, incanto,
la realtà di un mondo in frantumi che irrompe e su tutto la pace del mare che a volte toglie ma molto dà. Se credete che gli uomini possano essere migliori, se credete che l’amore non muoia mai, se siete convinti che guardarsi dentro senza mentire sia la più ricca delle nostre risorse, questo è il film che fa per voi. Concesso avere gli occhi umidi sui titoli di coda.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *