STILE DI VITA

Se hai un’amica guastafeste, non evitarla, però prendi le distanze

di  | 
In America si chiama Debbie Downer quella che cerca di farti solo vedere il lato negativo delle cose. Non lo fa per cattiveria, ma se le dai retta ti rovini la vita. Ecco come arginarla e farla diventare una persona positiva

 

Hai un’amica che gli americani definirebbero una Debbie Downer? Si chiama così  un personaggio immaginario del celebre talk show televisivo americano Saturday Night Live, che ha fatto la sua prima apparizione nel 2004, interpretato dall’attrice Rachel Dracht. La sua funzione nello show era quella di portare cattive notizie e sminuire quelle buone, con l’intenzione di rovinare l’umore al pubblico, che però, al contrario – e questo era in realtà l’effetto sperato da chi l’aveva inventata – era divertito dalle sue pessimistiche uscite.

Debbie-Downer-
Debbie Downer è diventata così popolare negli Usa da essere oggi sinonimo di guastafeste o uccello del malaugurio, proprio come in Italia il nome Fantozzi evoca immediatamente una persona imbranata, succube e meschina.
Purtroppo di Debbie Downer se ne trovano tante e spesso fanno parte della nostra cerchia di amicizie, specie tra le donne. Sono quelle amiche che, per esempio, dovrebbero darti forza e celebrare i tuoi traguardi, e invece tendono istintivamente a screditarli, cercando le nuvole della tempesta anche nel cielo più sereno. Per esempio, tu sei felice perché hai ottenuto un aumento di stipendio e ti senti dire: “Tutto qui? Meriti davvero molto di più per il lavoro che fai“. Oppure hai appena pianificato la vacanza dei tuoi sogni e la reazione è: “Sei sicura di voler partire? Ho letto che ci sarà brutto tempo nei prossimi giorni in quella zona”. La Debbie Downer, per altro, non è cattiva, né invidiosa e anzi ti chiede di interpretare questo suo realismo tendente al pessimismo come una manifestazione di premura nei tuoi confronti.

Come ci si difende da un’amica con questa caratteristica?

Semplicemente, non facendosi coinvolgere. Perché quando si ha a che fare con una persona del genere è molto facile lasciarsi trascinare dalla sua spirale di negatività. Dunque non si tratta di ignorarla, ma di mantenere una certa distanza emotiva. Non è il caso di ribattere punto su punto alle sue fastidiose affermazioni, né di farla ragionare sull’idea che non è sano alimentare sempre aspettative negative, bensì di reagire con indifferenza, per esempio dando risposte evasive, tipo “Ah sì?” oppure “Ok, ne terrò conto” che non incoraggino, né si contrappongano alle sue osservazioni.
Dunque per evitare di essere contagiati dalla Debbie Downer e se si desidera mantenere l’amicizia, considerando che a fronte di questo difetto presenta anche tante doti positive – vanno stabiliti dei confini chiari per quanto riguarda le modalità di interazione con lei. In poche parole farsi scivolare addosso le sue parole, evitando un contradditorio pericoloso e cercando di cambiare argomento per non darle modo di avvitarsi ulteriormente attorno al concetto negativo appena espresso.

Se però ci si vuole comportare da vere amiche, non basta evitare la sua negatività, ma è il caso di cerca di aiutarla a liberarsene, considerandolo un fardello pesante della sua personalità, non creato, come si è già detto, dalla volontà di nuocere, bensì da un proprio inespresso disagio esistenziale. Spesso, infatti, alla base di un atteggiamento da Debbie Downer ci sono insicurezza, bassa autostima, frustrazioni pregresse, scarsa fiducia nelle proprie possibilità e tutto un background che rende difficile vedere il lato positivo della vita e può portare anche alla depressione. Quindi queste persone, per poter cambiare davvero devono innanzitutto voler rivoluzionare il loro modo di autopercepirsi. E un’amica, specie se positiva per natura, agendo con pazienza e convinzione, può essere di grande aiuto alla sua Debbie Downer, trasmettendole ottimismo e demolendone la visione negativa. Per poterne poi ridere insieme

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.