STILE DI VITA

Evita di stare a tavola da sola: è l’antipasto della depressione

di  | 
Varie ricerche hanno dimostrato che le persone che mangiano in compagnia sono in generale più allegre. Non a caso vive ancora la tradizione dei pranzi di famiglia, mentre il momento della cena tutti insieme è il miglior antidoto contro i cattivi pensieri e le ansie quotidiane

Ma, è vero che il mangiare da soli non faccia bene e possa addirittura favorirne la depressione? Se facciamo affidamento all’indagine condotta l’anno scorso dalla Oxford Economic, questo studio rivela che su 8.250 cittadini britannici, le persone che mangiano da sole presentano 7,9 punti inferiori in termini di felicità, rispetto alla media nazionale. Mangiare insieme ad altre persone ci permette infatti di combattere la solitudine, perché ci mette in relazione con gli altri.

mangiare da soli 12

Il pensiero dei “grandi”

I ricercatori dell’università di Oxford hanno scoperto che più le persone pranzano o cenano in compagnia e più è probabile che si sentano felici e soddisfatti delle loro vite. Seneca dice che la solitudine “è per lo spirito ciò che il cibo è per il corpo”. Quindi anche mangiare da soli, secondo il filosofo, farebbe bene. Se diamo invece retta all’arguto Andrea Camilleri, che di buona cucina s’intendeva, non è così: “Se mentre mangi con gusto non hai allato a tia una pirsona che mangia con pari gusto allora il piacere del mangiare è come offuscato, diminuito”. Anche se è siciliano si capisce: da soli il piacere del mangiare diminuisce. Categorico è ironico invece Gioachino Rossini: “Per mangiare un tacchino, dobbiamo essere in due: io e il tacchino“. Infine, un detto popolare asserisce che “non c’è famiglia se non si mangia tutti insieme”.  Ecco questa forse è una buona chiave di riflessione da cui iniziare.

mangiare da soli-famiglia-a-tavola

Il pasto in famiglia

Il momento dei pasti nelle famiglie è sempre stato un’occasione piacevole di condivisione e di confronto. E’ la circostanza in cui tutti si riuniscono cercando di mettere da parte i pensieri della giornata. La cena in famiglia è un’occasione di puro piacere dove per godere della buona compagnia e del buon cibo. Ed è una tradizione che continua nel tempo. Prova ne è che sono proprio le  grandi cene delle festività che riuniscono allegramente (o almeno dovrebbero) tutti i componenti della famiglia. Oltre agli abbracci, all’emozione di vedersi dopo tanto tempo è proprio la gioia dello stare tutti insieme a tavola che stimola l’appetito creando un’atmosfera gradevole.

mangiare da soli-122

 

Magiare insieme rende felici

La forma stessa del tavolo ci indica che è un momento che va condiviso, infatti non esiste un tavolo per una sola persona ma sempre per più persone. Il cibo e la sua condivisione sono il mix perfetto per raggiungere un proprio benessere interiore e farlo raggiungere agli altri. Non vi è mai capitato di portare a cena fuori un’amica che stava vivendo un momento difficile o di prepararle la sua torta preferita?. Con questo semplice gestosiete stati capaci di ridarle almeno per un momento il sorriso.  Anche i nostri antenati, come l’Homo Erectus erano consapevoli dell’importanza del mangiare insieme. Si riunivano, infatti, tutti attorno al fuoco per spartire e condividere ciò che avevano cacciato. Il concetto è dunque che si può anche nel miglior ristorante e ordinare la pietanza più prelibata, ma quel piatto condiviso con un’altra persona avrà sempre quel sapore in più rispetto al gustarselo da soli. Quindi, come dice Mario Soldati, “Piuttosto che mangiare da soli invitate a cena il vostro portinaio”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.