Beauty 50

Rughe attorno agli occhi? Limita così l’effetto “zampa di gallina”

di  | 
Sono le nemiche giurate di ogni donna perché oltre a essere antiestetiche rischiano di compromettere la completa apertura delle palpebre: scopriamo perché compaiono e come contrastarle con tre metodi efficaci

 

Sono antiestetiche e potrebbero compromettere la completa apertura delle palpebre: parliamo delle rughe del contorno occhi, le nemiche giurate di ogni donna, insieme a quelle del collo. Scopriamo perché compaiono e come contrastarle.

Perché compaiono le rughe intorno agli occhi

Image_rughe del contorno occhi

Sono perlopiù di natura biologica le ragioni che determinano la comparsa delle rughe del contorno occhi. La pelle meno spessa ed elastica di quest’area del volto, infatti, tende ad invecchiare più precocemente. Costantemente esposta agli agenti atmosferici e spesso a contatto con le sostanze chimiche contenute nei trucchi, la cute sotto agli occhi perde tono; con l’avanzare del tempo la compattezza è compromessa anche dalla fisiologica perdita di collagene. Il cedimento strutturale che causa le prime rughe può tradursi anche in una difficoltà nel mantenere un’apertura oculare completa.

Tre rimedi efficaci per combattere le rughe del contorno occhi

Sono necessarie delle cure particolari per preservare l’estetica e la funzionalità del contorno occhi. Ecco tre rimedi da provare.

Image_contorno occhi

1) Depurarsi per stimolare la produzione di collagene
e rigenerare la pelle

Le scorie presenti nell’organismo inibiscono la produzione di collagene, responsabile tra le altre cose anche della tonicità della pelle. È grazie a questa proteina se la cute è elastica e distesa, in sostanza priva di rughe, è quindi importante mettere le cellule nelle condizioni migliori per produrlo. Per depurarsi è sufficiente bere a colazione un centrifugato di mela e mangiare una mela fresca o cotta come spuntino, per un mese. Un altro alleato è l’olio di germe di grano biologico, un attivatore di collagene che si può assumere in capsule per un’azione dall’interno o utilizzare in forma liquida per massaggi sulla cute.

2) Affidarsi ai prodotti cosmetici adeguati

Utilizzare dei prodotti specifici per prevenire la comparsa delle zampe di gallina o per attenuarle, resta una delle vie da perseguire. Creme, sieri, oli antiage e tanti altri prodotti cosmetici di marchi come Nivea esposti online sui siti ufficiali, possono rivelarsi molto utili a combattere le rughe e gli inestetismi della pelle. L’importante è sapere quali scegliere: creme idratanti o gel a base di acido ialuronico, ad esempio, sono perfette da applicare la sera prima di coricarsi. La potente azione idratante di queste formulazioni potrebbe tradursi in un leggero gonfiore iniziale delle palpebre, per questo è preferibile utilizzarle in orario serale. D’altra parte questi prodotti vanno sempre scelti sotto consiglio di un esperto e sulla base delle caratteristiche della propria pelle. Adatto un po’ a tutti, è poi l’olio di rosa mosqueta, che è un eccellente antirughe: sono sufficienti un paio di gocce al giorno da applicare nella zona perioculare con un lieve massaggio circolare.

3) Ricorrere alla dermatologia estetica

Quando le rughe del contorno occhi sono marcate è possibile rivolgersi ai medici estetici per qualche trattamento ambulatoriale poco invasivo. Le iniezioni di botulino regalano risultati pressoché immediati, gli effetti del trattamento si notano già dopo una settimana e durano nel tempo, prevenendo la comparsa di nuove rughe. Il botox agisce sulla muscolatura della zona perioculare inibendone le capacità di contrarsi. In questo modo le rughe si appianano e lo sguardo risulta più fresco. Altra opzione, sicuramente più invasiva, è rappresentata dal lifting, un vero e proprio intervento realizzato in sala operatoria, di cui però esiste anche una variante light. Infine, i trattamenti filler sono iniezioni con acido ialuronico applicate direttamente sul contorno occhi, richiedono molta precisione e almeno un paio di sedute a distanza di trenta giorni. Il loro effetto dura per circa sei mesi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.