INTERVISTE

Michela Brambilla: adotta un cane

di  | 
L'onorevole dai capelli rossi è tornata in tv per sostenere soprattutto la causa dei cani randagi. Ma in "Dalla parte degli animali" i protagonisti sono tutti i nostri amici a quattrozampe, cuccioli o... nonni che siano

 

Amare a tal punto i piccoli e grandi amici a quattrozampe da farne una vera e propria ragione di vita; schierarsi sempre dalla loro parte e diventare paladina degli amici più sfortunati e dei loro diritti. Michela Vittoria Brambilla, l’onorevole dai lunghi capelli rossi e presidente e fondatrice della Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente, scende nuovamente in campo per combattere il fenomeno del randagismo e soprattutto per far trovare una casa accogliente e una famiglia affettuosa a tanti cucciolotti e nonnetti pelosoni. Cani, gatti, porcellini d’India… tutti hanno diritto a essere amati. La nuova battaglia della Brambilla per i diritti degli animali approda ora in tv, con Dalla parte degli animali, il nuovo format in onda dal 29 aprile alle 11 su Rete 4 e in replica la domenica alle 14, sempre su Rete 4, alle 16.20 su La5 e alle 10 su Mediaset Extra.


Onorevole, quando nascono la sua passione e il suo amore incondizionato per gli animali?
Amo gli animali fin da quando ero una bambina. I miei genitori avevano ben 14 cani e io sono cresciuta in mezzo a loro, imparando il significato del rispetto e della tutela anche nei loro confronti. La mia predisposizione innata per gli animali, che per altro hanno tutti i bambini, è stata poi alimentata dall’essere cresciuta in un contesto rurale, in mezzo a tantissimi animali. Mamma mi raccontava che ho imparato a camminare attaccandomi a una vecchia cagnolona schnauzer che mi portava in giro e mi accudiva con amore e grande attenzione. È stato naturale per me pensare che siamo tutti compagni su questa grande arca universale.

I suoi bambini sono stati abituati come lei a vivere e crescere a contatto con gli amici a quattro zampe…
I miei figli amano immensamente gli animali e questo mi rende molto fiera, perché significa che ho fatto un buon lavoro e sono riuscita a trasmettere il rispetto, il senso di protezione e di tutela nei loro confronti. Dirò di più: nessuno di loro mangia carne, benché non sia partita da me la scelta. Lo hanno fatto in totale libertà, è una decisione del tutto personale che hanno preso. Anche la più piccolina, che ha solo 2 anni e mezzo, non mangia il pollo, tanto simile ai coniglietti alla sua vista.

Lei è orgogliosa dei suoi figli, vero?
Molto, ma a prescindere dalle loro scelte alimentari. Sono liberale, accetto le decisioni altrui. Ritengo però che l’essere cresciuti in mezzo agli animali li renderà adulti migliori e più consapevoli e più rispettosi degli esserini più indifesi.


La sua “fattoria” quanti animali ospita?
Tantissimi: 12 cani, 36 gatti, 7 caprette, 2 pecorelle, 2 asinelli (uno è il “bimbo” di Vittorio Feltri, che lo ha salvato), 3 cavalli, 2 mini pony, circa 250 piccioni, 2 daini, 1 papera. È uno “zoo” importante e sono pronta a scommettere che dopo la trasmissione si amplierà ancora.

Quanto è importante crescere con un animale?
Moltissimo, perché rende più rispettosi e attenti ai diritti degli indifesi. Lo vedo sui miei figli e lo sto notando sui ragazzi di oggi, sempre più abituati ad avere un amico peloso in casa. Tra di loro quasi nessuno più va a caccia, ci sono molti vegetariani e molti vegani perché crescono con questa cultura animalista, che è un progresso morale che attraversa la nostra società.

Lei è nota ai più per le sue battaglie a favore degli animali. Ora lo fa anche in tv con la trasmissione Dalla parte degli animali. Di cosa di tratta?
Si tratta della prima trasmissione animalista che si rivolge direttamente al cuore dei telespettatori e fa appello al loro sentimento di solidarietà, per regalare una nuova vita agli animali abbandonati o in difficoltà.

Una nuova missione, dunque, per lei…
Quando si tratta di animali non mi tiro mai indietro. Ogni settimana, da un canile o da un rifugio di tutta Italia, presenterò tanti amici che non vedono l’ora di entrare a fare parte di una famiglia: trovare loro una casa è dunque la mia prossima missione. Daremo poi ampio spazio alla voce dei volontari, racconteremo storie a lieto fine e apriremo una finestra “sull’amico famoso”, ossia il cane o un gatto di un vip. E avremo ospiti speciali, dopo il cane che ha partecipato ai soccorsi a Rigopiano, che abbiamo presentato nella prima puntata.

Come si fa ad adottare gli animali che presenterà in trasmissione?
Bisogna scrivere alla mail portamiacasa@dallapartedeglianimali.it o consultare il sito www.dallapartedeglianimali.it.

Per lei è un ritorno in tv…
Sì, ma questa volta non mi occupo di reportage o inchieste: l’attenzione è tutta focalizzata sugli animali più sfortunati di cui abbiamo il dovere di prenderci cura. La trasmissione è nata per denunciare il fenomeno del randagismo e cercare di sconfiggerlo. Ho sempre creduto molto nel ruolo didattico del giornalismo, soprattutto televisivo, che può davvero farsi portavoce delle storie dei nostri piccoli amici.

Quale messaggio intende promuovere?
Non comprate gli animali, adottateli! L’amore non ha prezzo. E seguite il mio esempio, che porto sempre a casa i più sfigatelli, gli invisibili. Lo so, un cucciolo fa più tenerezza, ma anche i “nonnetti” sanno dare tanto amore: e poi sono più saggi, meno irruenti, più adatti a chi come loro ha una certa età. Se regalerete amore, riceverete tanto amore. 

 

Image credits: Instagram

Salva

Salva

4 Comments

  1. Anna Berra

    25 Marzo 2019 at 11:34 am

    Ho bisogno urgente di parlare con una di voi mille grazie

    • Staff

      25 Marzo 2019 at 10:55 pm

      Ci dica pure…

  2. adriano pantuso

    22 Aprile 2020 at 6:02 pm

    vorrei adottare una piccola animetta femmina sterilizzata. Ho gia 2 cani piccoli e un terazzo da 300 mq, siccome ne ho perso 1 dopo 18 anni ora vorrei una piccola animetta da amare

    • Staff

      23 Aprile 2020 at 9:52 am

      Le consigliamo di rivolgersi al canile municipale della sua città. Ci sono tantissimi cani che aspettano di trovare qualcuno che li accolga e li ami. Lì troverà sicuramente una cucciolotta da amare. 🙂 Ci faccia sapere!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.