ATTUALITA'

Meryl Streep mostra alle donne come si affronta la sfida all’età

di  | 
L'attrice americana ha confermato anche sul tappeto rosso della Mostra del cinema di Venezia di essere l'unica diva degli ultimi 40 anni. E spiega: "Cerco sempre nuovi stimoli perché mantengono attiva la mente"

 

Saluta i fan, regala sorrisi e manda baci: è lei la vera regina della 76esima edizione della Mostra del cinema di Venezia. E noi, da sempre ammiratrici di quella che è a tutti gli effetti la più grande attrice americana degli ultimi 40 anni, non potevamo che rimanerne conquistate. Ancora una volta!

Embed from Getty Images

Perfetta, gentile e sorridente, Meryl Streep arriva al Lido in black&white per il photocall di ordinanza. Pantaloni e sabot neri abbinati a una morbida camicetta bianca con inserti black, l’attrice è un esempio di classe ed eleganza.

Embed from Getty Images

Presente al Festival per accompagnare il suo nuovo film, The Laundromat, diretto da Steven Soderbergh, l’ha voluta nel ruolo di una vedova in lotta per avere giustizia in questa pellicola che si ispira alla vicenda dei Panama Papers, i clamorosi documenti (divulgati da fonte anonima) su un sistema di scatole cinesi di società offshore. Nonostante l’argomento, il film ha il tono della commedia, dove al fianco dell’attrice americana,  recitano Antonio Banderas e Gary Oldman. Anche lui presente al fianco della Streep a Venezia, sebbene ingrassato, con i capelli lunghi e una barbetta bianca che lo rende ben diverso da come siamo abituati a vederlo.

Embed from Getty Images

Cambio di look per il Red carpet: sul tappeto rosso Meryl brilla come la più luminosa delle stelle. Al lungo abito azzurro cangiante, vivacizzato da una fantasia sui toni del rosso, la Streep abbina un paio di decolletè rosso fuoco ed è un vero incanto!

Embed from Getty Images

Entusiasta del ruolo interpretato nel film, che sarà a breve nelle sale e il 18 ottobre su Netflix, la Streep dichiara: “Lavorare con Steven mi ha dato la possibilità di intrattenere il pubblico – e divertirlo anche – con qualcosa di vero, complesso e cupo. A volte ricevo sceneggiature impegnate ed è molto difficile dire no a progetti animati dalle migliori intenzioni, però sono convinta che le cose troppo “didascaliche” o noiose non siano efficaci”.

Embed from Getty Images

E a tale proposito aggiunge: “L’unica domanda che mi faccio prima di accettare una parte è: aiuterà il mondo ad andare avanti o lo incasinerà di più? Sarà velenoso, tossico o positivo? Soprattutto da quando ho avuto figli, mi sono resa conto che tutto ha importanza…”.

Embed from Getty Images

Con ben 87 pellicole (quasi) tutte memorabili, 357 nomination e 173 premi vinti, inclusi tre Oscar, l’attrice americana non delude mai! E ama affrontare ogni nuovo impegno cinematografico come una nuova sfida, dichiarando in merito: “Io non vedo le sfide come fossero i compiti a casa o una medicina da ingoiare. Le amo perché sono il mio modo di mantenere la mente attiva, visto che – soprattutto quando si inizia ad avere una certa età – tendi a fossilizzarti sulle tue opinioni. È bello che qualcosa ti obblighi ad andare oltre. Se vuoi restare nella comfort zone, meglio andare a dormire”.

Embed from Getty Images

Niente da aggiungere, se non un sincero We love you, Meryl!

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.